Bergamo-Cantù, i comunicati post partita di SBS e Briantea84

(foto di Alessandro Vezzoli)

Qui BERGAMO – Per la terza volta in questo scorcio di stagione, la SBS Montello Bergamo si è dovuta arrendere ai pluricampioni d’Italia della Briantea 84 Cantù. Ma pure stavolta, nella seconda di ritorno di Serie A, è accaduto ciò che già avevamo visto all’andata: un’ottima resistenza degli orobici per buona parte del confronto, prima che la maggiore consistenza dei canturini prendesse il sopravvento. Così la sfida giocata all’Italcementi si può sostanzialmente dividere in due: la prima parte con Bergamo incollata ai rivali e capace di chiudere con un confortante (e tutto sommato ancora rimediabile) ‘meno nove’, la seconda parte con gli ospiti capaci di scappare via, senza lasciare ad Airoldi e compagni la chance di rientrare.

Del resto Cantù – fin qui a punteggio pieno nel girone – è una serissima candidata all’ennesimo scudetto. E il solo fatto di potersi confrontare alla pari, anche se solamente per una parte del match, lascia sensazioni positive al team di Ilario Narra in vista dei confronti più abbordabili, in arrivo nelle prossime settimane. L’eventuale terzo posto nel raggruppamento, in fondo, servirebbe proprio a questo: per evitare di incontrare subito nel primo match dei play-off una rivale di primissima fascia.

Contro la Briantea 84, bene come sempre il duo argentino formato da Joel Gabas (15 punti) e Lucas Silva (10 punti e 11 rimbalzi), mentre fra gli ospiti il miglior marcatore è stato il solito Filippo Carossino, autore di 22 punti e 14 rimbalzi, in sostanza il faro del team canturino, che pure ha una panchina lunga da far valere nei momenti decisivi. Il terzo parziale ha fatto la differenza, in una partita che nell’ultimo quarto Cantù si è limitato a controllare. Alla fine applausi per tutti, per i vincitori ma pure per i padroni di casa, capaci di mostrare sprazzi di basket di alta qualità. Sabato prossimo, sempre all’Italcementi, contro il fanalino di coda Santa Lucia Roma (inizio alle 16.30, ingresso gratuito) comincia lo sprint finale per arrivare ai play-off.

Qui CANTÙ – Sette su sette, conquistato anche il derby lombardo di ritorno. Nel pomeriggio dell’Italcementi di Bergamo, la UnipolSai Briantea84 Cantù si è imposta 66 a 40 contro lo Special Sport Montello. I biancoblù rafforzano, così, il primato in classifica in una sfida equilibrata per i primi due quarti, ma spezzata dopo l’intervallo dalla forza e dalla qualità del gruppo guidato da coach Jaglowski (assenti Makram per influenza e Schiera, rientrato De Maggi), capace di firmare un devastante 26-6 nel terzo quarto che ha indirizzato definitivamente la gara. Carossino miglior realizzatore della sfida con 22 punti, seguito da Serio (14) e De Maggi (13).
La UnipolSai tornerà a giocare in casa il prossimo weekend, con l’ultima partita del 2023 in programma al PalaMeda: sabato 16 dicembre alle ore 15, sarà sfida contro Gsd Porto Torres.

CRONACA – Coach Jaglowski opta per il quintetto composto da Patzwald, Berdun, Serio, De Maggi e Carossino. Avanti Bergamo, la UnipolSai prende le misure e piazza il 6-0 di risposta con Carossino, De Maggi e Serio dopo poco meno di 4’ di gioco. Silva da una parte e poi ancora De Maggi per l’8-4 in favore dei canturini a 5’40’’ dalla fine del primo quarto. Bergamo si fa forte sotto canestro con i primi punti di Gabas. Serio in versione assistman, De Maggi e Carossino concretizzano: poi arriva la tripla del numero 22 biancoblù che vale il + 9 (15-6) a meno di 3’ dalla sirena. Carossino nel finale vale il 18-10 dopo 10’.
Fuori Patzwald, dentro Carrigill. Bergamo attacca e con Miceli riduce il gap. Break UnipolSai (8-2) per il 26-14 in favore dei biancoblù dopo 4’ di gioco. Fuori De Maggi, dentro Geninazzi. Bergamo si aggrappa a Gabas, Geninazzi scaccia via i pensieri (28-17 al giro di boa). Dentro Ruggeri, fuori Berdun. Il capitano ne aggiunge un altro dalla lunetta che vale il +12 (29-17). Finale da botta e risposta: da una parte Carossino e dell’altra la coppia Gabas-Spicsuk che fa rimanere in scia i bergamaschi. Dopo 20’ di gioco parziale di 32-23 per i canturini.
La UnipolSai rientra dall’intervallo con il quintetto di avvio gara. Subito De Maggi, Gabas impensierisce con due punti più il libero, poi ci pensa Serio. 2’ di gioco, +10 al tabellone (36-26). Prima Berdun e poi De Maggi forniscono assist per i 4 punti di Carossino, UnipolSai +14 (40-26). Il parziale si alimenta con i 4 punti di De Maggi. Fuori proprio il numero 26 e Patzwald, spazio a Santorelli e Ruggeri, con quest’ultimo che mette l’accento subito a referto. Tripla di Serio nel buon momento dei canturini. Dentro Sbuelz, fuori Berdun. Carossino perfetto dalla lunetta (due su due), Serio replica la tripla, poi fornisce l’assist per un altro sigillo di Carossino. UnipolSai devastante in questi minuti, solo Gabas pone fine ad un break 22-0 a 49 secondi dalla sirena. Primi due punti per Sbuelz. A 10’ dalla fine la UnipolSai in pieno controllo: 58 a 29.
Klokler, Gabas e poi Sbuelz, ritmi bassi in questi ultimi minuti. Coach Jaglowski ne approfitta per cambiare: dentro Berdun e Geninazzi, fuori Carossino e Serio. Bergamo prova a ridurre il grande svantaggio, Ruggeri show tra punti, stoppate e assist in questa fase. L’attenzione della UnipolSai non cala nonostante il +30 (64-34) a 5’ dal termine. Silva e Geninazzi a referto. Nel finale spazio anche per Tomaselli, fuori Santorelli. Ultimi punti nel finale per il 66 a 40 della UnipolSai.

TABELLINI