Il Porto Torres blinda Łuszyński: “Sarà l’allenatore per tanti anni” 

Archiviato il campionato di Serie A al penultimo posto, il Gsd Porto Torres pensa già alla prossima stagione, anche se a marzo l’attende l’importante appuntamento con i quarti di finale della Champions Cup. Al microfono di Directa Sport il presidente Bruno Falchi ha parlato della salvezza, della Coppa, della stagione 2024/2025 e del futuro di Piotr Łuszyński.

SALVEZZA – “Alla fine siamo contenti – è brutto dirlo – non della posizione ma del progetto che è partito. Vediamo i semi che abbiamo piantato iniziare a germogliare. Questo per me è la cosa che conta di più”.

CHAMPIONS CUP – “Non ci aspettiamo niente dalla Coppa, perchè andiamo ad affrontare corazzate che sono state costruite con un budget 10 volte più importante per vincere la Coppa Campioni. Noi ci siamo qualificati tra le prime 8 d’Europa per il secondo anno consecutivo. Per una città come Porto Torres credo sia il massimo che si può ottenere anche se vogliamo di più”.

STAGIONE 2024/2025 – “Il prossimo anno vorremo tornare a essere un po’ più in alto di dove siamo adesso. Questo è sicuro. In pentola bolle lo stesso sogno, vogliamo costruire una squadra giovane con qualche innesto esperto che possa darci delle soddisfazioni grandi”.

ŁUSZYŃSKI – “Piotr è una grandissima persona, un grande professionista, probabilmente è ancora uno dei più grandi giocatori vista l’età. Non lo dico io, ma parlano i numeri in Coppa Campioni e in campionato. Con lui costruiremo davvero tanto. Qua è di casa, ormai è in famiglia, finirà qui la carriera e sarà l’allenatore per tanti anni”.