Serie A, dieci su dieci per Cantù

(foto di Alessandro Vezzoli)

Dieci su dieci per la UnipolSai, cammino di regular season di Serie A Fipic chiuso con un’importantissima vittoria casalinga contro Santo Stefano per 70 a 51, privo di Dimitri Tanghe. Nel pomeriggio del PalaMeda i biancoblù hanno messo l’accento sulla gara fin dai primi due quarti. I marchigiani sono tornati dall’intervallo carichi, piazzando un 7-0 che ha dato fastidi ai canturini. Poi ripresa in mano la partita è stata condotta fino alla vittoria finale che ha confermato il primato del girone. Miglior realizzatore Filippo Carossino con 25 punti, da segnalare i 12 rimbalzi e i 10 assist di Steve Serio. Dal 10 febbraio al via i quarti di finale, la UnipolSai troverà Pdm Treviso (arrivata quarta in classifica nel gruppo B): andata in Veneto e ritorno a Meda (24 febbraio, orari ancora da decidere). Periodo fitto di impegni per la squadra guidata da coach Jaglowski che la settimana prossima partirà per la Final Four di Coppa Italia a Porto Torres (27-28 gennaio), poi sarà tempo di Champions Cup con un girone organizzato dalla Briantea84.
Coach Jaglowski parte con Carossino, Serio, Berdun, De Maggi e Patzwald. Apre le marcature Berdun che, insieme a De Maggi e Carossino, firma il primo parziale della gara a quota 12-4, costringendo gli ospiti al time out. Anche dopo la pausa, l’inerzia del match resta dalla parte dei biancoblu, nonostante le scorribande di Bedzeti e compagni. Si sblocca anche Serio, che permette alla UnipolSai di chiudere il primo quarto già in doppia cifra di vantaggio (18-7).
Non cambia la musica nel secondo quarto: De Miranda prova a scuotere i suoi, ma la UnipolSai risponde colpo su colpo con i soliti Carossino e De Maggi. Il neo-entrato Ruggeri si sblocca subito dalla lunetta e il vantaggio della UnipolSai arriva a toccare i 20 punti, sul 32-12, con conseguente time-out chiamato da coach Ceriscioli. Gli ospiti provano a rifarsi sotto con Bedzeti e Buso, ma i canturini continuano a sbagliare pochissimo in attacco, trovando punti anche da Serio e Santorelli. Il parziale si chiude con il canestro in backdoor di Bedzeti, che porta i suoi a -13 (36-23).
Secondo tempo – Parte forte Santo Stefano, con un parziale aperto di 7-0 targato De Miranda e Buso, al quale risponde sempre Carossino con 6 punti (di cui 4 dalla lunetta). Dopo il time-out ospiti, De Miranda segna la prima tripla della partita. Si rivedono Serio e Berdun, che assieme a Carossino, nel frattempo già autore di 25 punti, fruttano il nuovo massimo vantaggio alla fine del quarto, di 16 punti (55-39) Regna l’equilibrio anche in avvio dell’ultima frazione: Berdun realizza 10 dei 12 punti canturini solo in metà quarto, superando abbondantemente la doppia cifra a referto, respingendo ogni offensiva di Giaretti, Bedzeti e De Miranda. Il vantaggio, anzi, si incrementa, toccando i 21 punti. La partita si conclude con due punti di Sbuelz, che mette anche il suo sigillo sull’ennesimo successo di questa regular season, che la UnipolSai chiude da imbattuta (70-51).

Coach Jaglowski: “Abbiamo giocato un’ottima partita. È stato importante l’approccio nel primo quarto. Poi non dobbiamo dimenticarci che avevamo davanti Santo Stefano, grande squadra con giocatori di livello. Nel terzo quarto abbiamo cambiato qualcosa, loro ci hanno dato dei pensieri, ma poi siamo stati bravi a riprendere in mano la gara e portarla a casa. Ora inizia un periodo intenso, partiamo dalla Coppa Italia della settimana prossima e poi penseremo alla Champions Cup. Il nostro obiettivo è quello di poter andare avanti in tutte le competizioni”.

Steve Serio: “È stata un’ottima gara di squadra, avevamo cerchiato la data in rosso sul calendario. Era una gara importante e sono molto contento di come l’abbiamo affrontata; sappiamo che giocando insieme siamo una delle migliori squadre d’Europa. Guardiamo quindi ai prossimi impegni con la consapevolezza di avere un buon team e buone chance per poter competere”.

Adolfo Berdun: “Stiamo per affrontare la parte bella della stagione, dobbiamo continuare a lavorare come abbiamo fatto finora. Pensando a noi, ma tenendo d’occhio anche gli avversari”.

Simone De Maggi: “È stata una partita molto importante, fatta di alti e bassi. Stiamo lavorando bene in settimana, come poi si vede in campo. È stata un’ottima prima fase di campionato, ma non abbiamo fatto ancora niente. Ora ci aspettano partite molto importanti alle quali ci dobbiamo far trovare pronti”.

Filippo Carossino: “Abbiamo giocato un’ottima partita, l’abbiamo preparata molto bene, concentrati e sapendo quello che dovevamo fare in campo sia dal punto di vista offensivo che difensivo. Santo Stefano è una squadra forte e quindi non è sempre facile mantenere alto il ritmo e le qualità. La gara è stata comunque di carattere, di squadra. Quando c’era da soffrire lo abbiamo fatto insieme, uniti ci siamo rialzati. Siamo contenti di aver vinto a casa nostra, felici per questa regular season, ma ora si azzera tutto dai play off. Dobbiamo continuare a lavorare per farci trovare pronti agli appuntamenti importanti che ci saranno in stagione, dimostrando di essere gruppo”.